News

Sostenibili Digitali Aperti »

Grande partecipazione in una location splendida, il Belvedere di Palazzo Lombardia, e interventi autorevoli da parte dei rappresentanti di istituzioni, imprese, utilities e organizzazioni della società civile.

E’ stato un confronto serrato e stimolante, che si è svolto nell’ambito della Milano Digital Week promossa dal Comune di Milano, aperto dalla introduzione di Cristiana Rogate, conduttrice della tavola rotonda insieme a Giulio Pierini.

L’evento, promosso da Refe e Redesign Comunicazione – con la preziosa collaborazione di Regione Lombardia e il sostegno di Fondazione Brodolini – ha messo al centro della discussione come gli strumenti messi a disposizione dalla trasformazione digitale consentano di rendere smart la comunicazione dei percorsi di sostenibilità sociale, ambientale ed economica intrapresi da soggetti pubblici, privati e non profit, aumentando e allo stesso tempo facendo leva sul coinvolgimento di cittadini e stakeholder.

Nella nostra società sempre più connessa, promuovere azioni di sistema tra i diversi soggetti della polis permette di rafforzare il concetto di corresponsabilità – in linea con l’Obiettivo 17 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite – per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e di cura del bene comune. L’ormai larghissima diffusione delle nuove tecnologie digitali favorisce, infatti, la transizione verso forme più avanzate di comunicazione, condivisione e coinvolgimento in ambito pubblico e privato e lo sviluppo di azioni di sistema sempre più orientate al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 ONU, gli SDGs (Sustainable Development Goals).

Durante la tavola rotonda i partecipanti hanno presentato le proprie esperienze. Tra queste, le innovazioni e i progetti allo studio di Regione Lombardia per rendere più semplice la vita di cittadini e utenti dei servizi, il Bilancio sociale online di ANCI Lombardia, la digitalizzazione avviata dal Tribunale di Milano per accelerare i tempi della giustizia civile, l’OpenReport™ di LGH – Gruppo A2A, i percorsi di valorizzazione della sostenibilità realizzati da MM, Brianzacque e Ansaldo STS Gruppo Hitachi.

Nel corso dell’incontro sono intervenuti Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia che ha aperto la seconda Tavola rotonda, Pier Attilio Superti, Segretario Generale Vicario Regione Lombardia, Virginio Brivio, Presidente ANCI Lombardia, Elio Catania, Presidente Confindustria Digitale, Andrea Razeto, V.P. External Relations and Communication Ansaldo STS – Hitachi Group Company, Stefano Cetti, Direttore Generale MM Spa,  Giorgio Cristiani, Relazioni esterne di LGH – Gruppo A2A, Enrico Boerci – Presidente Brianzacque, Simone Gamberini – Direttore LegaCoop Bologna, Carmelo Ferraro,  fondatore del Comitato civico M’Impegno, Barbara Meggetto, Presidente Legambiente Lombardia.

Refe alla MILANO DIGITAL WEEK »

 

MDW locandina jpegL’evento è gratuito ma è necessario registrarsi.  Clicca qui!

Accrediti dalle ore 17.30 per accedere al Belvedere di Palazzo Lombardia, Piazza Città di Lombardia 1, Milano – ingresso N1. Inizio della tavola rotonda alle ore 18.00.

Guarda l’evento sul sito della Milano digital Week

 

Il primo bilancio di sostenibilità del GRUPPO TEA »

PUBBLICATO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ DI TEA, LA  MULTIUTILITY MANTOVANA CHE FESTEGGIA I SUOI PRIMI VENT’ANNI

 Nel primo Bilancio di sostenibilità, da qualche giorno on line sul sito di Tea, si comunicano i numeri chiave e le performance sociali, ambientali ed economiche della multiutility che si occupa di acqua, rifiuti, energia e fine vita sul territorio mantovano. Un lavoro organico di sistematizzazione e rendicontazione adottato dall’azienda, che ha coinvolto il gruppo di lavoro interno affiancato da Refe, società da più di 10 anni impegnata in percorsi di valorizzazione della sostenibilità, anche in connessione agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030.

Un documento che misura e comunica a stakeholder e cittadini-utenti il valore prodotto dal Gruppo, che nasce nel 1864 come azienda municipale del gas e che dal 1998 diventa la multiutility mantovana che oggi integra 9 società, conta 560 dipendenti e serve un territorio di 2.339 kmq. Il valore sociale dell’impresa – oltre che dai progetti sviluppati sui territori – è dimostrato dai 23 sportelli attivi, che hanno registrato nel 2017 circa 79 mila contatti, ai quali si aggiungono più di 110 mila chiamate ai call-center.

273 milioni di euro il valore economico generato dalle attività del Gruppo, di cui 236 milioni distribuiti agli stakeholder, tra fornitori, dipendenti, PA, azionisti, finanziatori e collettività. 30,2 milioni di euro la cifra destinata agli investimenti.

Significativo il contributo dell’azienda per la sostenibilità ambientale: tenendo come orizzonte l’obiettivo rifiuti zero, nel 2017 nei comuni serviti da TEA la raccolta differenziata raggiunge una media dell’81,32% e, grazie alla promozione del teleriscaldamento sul territorio di Mantova, dal 2016 il Gruppo ha contribuito ad abbattere le emissioni di CO2 degli impianti di riscaldamento, con oltre 41 mila tonnellate di anidride carbonica in meno immesse in atmosfera. Deciso impegno per valorizzare l’acqua come bene pubblico grazie a 1.316 km di acquedotto costantemente monitorati, 77 impianti di depurazione e 13 impianti di potabilizzazione.

Attenzione all’ambiente e ai cittadini, ma anche al personale che nell’anno rendicontato ha potuto usufruire di più di 3.300 ore di formazione, in particolare nell’ambito della salute e sicurezza (+ 20% tra il 2016 e il 2017).

“Il percorso svolto insieme, sulla base del metodo Rendersi conto per rendere conto©, ha permesso di sistematizzare l’impegno sulla sostenibilità di Tea già presente sia nella visione del Presidente che nelle attività svolte sul territorio, misurando e valorizzando le performance ambientali, sociali ed economiche del Gruppo – commenta Cristiana Rogate, fondatrice e Ceo di Refe – Il Bilancio di sostenibilità sviluppa e approfondisce la prima Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario elaborata quest’anno da TEA, un documento previsto dalla recente normativa europea e nazionale che sta stimolando le aziende a intraprendere percorsi che rafforzano credibilità, fiducia e autorevolezza nei confronti di cittadini e stakeholder”.

https://www.teaspa.it/irj/portal/ts/sostenibilita

 

SLIDE_sito_TEA_1

Comunicare la sostenibilità in modo SMART »

 

OpenReport™ è l’evoluzione del Bilancio sociale o di sostenibilità che siamo abituati a vedere, ex post, in formato cartaceo. È uno strumento digitale, innovativo e interattivo ideato da Refe che risponde in modo smart alle esigenze informative di cittadini e utenti, soci e lavoratori, imprese e istituzioni. Il data sharing che si ottiene supera gli slogan e aumenta nei fatti la trasparenza, tramite informazioni che diventano accessibili, aperte e dotate di senso anche per i non addetti ai lavori.

Ne ho scritto sull’ultimo numero di CSR Oggi

LGH-Gruppo A2A presenta l’OpenReport™ »

Milano, 28 novembre 2018

E’ online il primo OpenReport™ della multiutility lombarda LGH – Gruppo A2A, un portale innovativo, dinamico e interattivo per la rendicontazione e la comunicazione della sostenibilità. L’OpenReport™ – ideato e depositato da Refe e sviluppato in collaborazione con Redesign, nostro partner sui temi della comunicazione – consente l’aggiornamento in itinere delle performance sociali, ambientali ed economiche dell’azienda che decide di adottarlo.

I vertici della multiutility, affiancati dagli esperti di Refe e Redesign, illustreranno il nuovo portale a cittadini e stakeholder nel corso di 3 incontri che, dopo l’appuntamento di ieri sera a Cremona, si terranno stasera a Pavia e giovedì a Rovato (BS).

Con questo strumento, LGH rende facilmente accessibili i dati delle proprie attività, i risultati e le ricadute sul territorio e le comunità in ambito sociale, ambientale ed economico. Il progetto è stato presentato in anteprima a ottobre all’Università Bocconi, durante l’ultima edizione nazionale del Salone della CSR e Innovazione sociale, riscuotendo notevole apprezzamento tra il pubblico, gli esperti e la stampa.

“L’OpenReport™ è l’evoluzione del tradizionale Bilancio sociale o di sostenibilità che siamo abituati a vedere, ex post, in formato cartaceo – commenta Cristiana Rogate, AD di Refe. La nostra esperienza più che decennale ci ha permesso di sviluppare, insieme a Redesign, uno strumento originale e innovativo che risponde alle esigenze informative di cittadini e utenti, soci, lavoratori imprese e istituzioni, che vogliano conoscere in tempo reale informazioni e trend che interessano la loro vita quotidiana. Il data sharing che si ottiene con strumenti come l’OpenReport™ è un’innovazione molto utile anche alla pubblica amministrazione, al mondo delle professioni e della ricerca”.

Refe è da anni impegnata nella promozione della cultura della sostenibilità in ambito pubblico e privato. Tra pubbliche amministrazioni, utilities, aziende sanitarie, imprese, associazioni di rappresentanza ed enti del terzo settore, Refe ha all’attivo 180 Bilanci sociali e di sostenibilità, 40 progetti di partecipazione e coinvolgimento degli stakeholder e 30 sistemi di misurazione e valutazione della performance.

Qui il servizio di Crhome TVTelecolor 

 

OpenReport 27.11 - 3

 

OpenReport 27.11 - 1

Contatti

Piazza Luigi di Savoia, 22 Milano

+39 02 36567111

linkedin.com/company/refe...

 

P.IVA: 05123890963

Informativa clienti-fornitori

© 2019 Refe Srl

Designed by Mediaticamente