News

LGH-Gruppo A2A presenta l’OpenReport™ »

Milano, 28 novembre 2018

E’ online il primo OpenReport™ della multiutility lombarda LGH – Gruppo A2A, un portale innovativo, dinamico e interattivo per la rendicontazione, la trasparenza e la sostenibilità. L’OpenReport™ – ideato e depositato da Refe e sviluppato in collaborazione con Redesign, nostri partner sui temi della comunicazione – consente l’aggiornamento in real time delle perfomances sociali, ambientali ed economiche dell’azienda che decide di adottarlo.

I vertici della multiutility, affiancati dagli esperti di Refe e Redesign, illustreranno il nuovo portale a cittadini e stakeholder nel corso di 3 incontri che, dopo l’appuntamento di ieri sera a Cremona, si terranno stasera a Pavia e giovedì a Rovato (BS).

Con questo strumento, LGH rende facilmente accessibili i dati delle proprie attività, i risultati e le ricadute sul territorio e le comunità in ambito sociale, ambientale ed economico. Il progetto è stato presentato in anteprima a ottobre all’Università Bocconi, durante l’ultima edizione nazionale del Salone della CSR e Innovazione sociale, riscuotendo notevole apprezzamento tra il pubblico, gli esperti e la stampa.

“L’OpenReport™ è l’evoluzione del tradizionale Bilancio sociale o di sostenibilità che siamo abituati a vedere, ex post, in formato cartaceo – commenta Cristiana Rogate, AD di Refe. La nostra esperienza più che decennale ci ha permesso di sviluppare, insieme a Redesign, uno strumento originale e innovativo che risponde alle esigenze informative di cittadini e utenti, soci, lavoratori imprese e istituzioni, che vogliano conoscere in tempo reale informazioni e trend che interessano la loro vita quotidiana. Il data sharing che si ottiene con strumenti come l’OpenReport™ è un’innovazione molto utile anche alla pubblica amministrazione, al mondo delle professioni e della ricerca”.

Refe è da anni impegnata nella promozione della cultura della sostenibilità in ambito pubblico e privato. Tra pubbliche amministrazioni, utilities, aziende sanitarie, imprese, associazioni di rappresentanza ed enti del terzo settore, Refe ha all’attivo 180 Bilanci sociali e di sostenibilità, 40 progetti di partecipazione e coinvolgimento degli stakeholder e 30 sistemi di misurazione e valutazione della performance.

Qui il servizio di Crhome TVTelecolor 

 

OpenReport 27.11 - 3

 

OpenReport 27.11 - 1

Tavola rotonda: Uscire dalla crisi pensando il futuro »

Nuove regole per uscire dalla crisi. Il 28 e 29 novembre incontro promosso dall’Associazione Guido Carli, con Magatti, Federico Carli, Salvati, Noci, Zamagni. Modera Rogate

Milano, 26 novembre 2018 – L’Associazione di cultura economica e politica Guido Carli promuove la tavola rotonda dal titolo: “Cambio di paradigma: uscire dalla crisi pensando al futuro”. Un appuntamento dove autorevoli esponenti del mondo della cultura, dell’economia, della ricerca sociale, dell’associazionismo discuteranno di come ricreare le condizioni per rimettere in moto la prosperità delle comunità, piegate dalla crisi e dall’oscillare tra il fondamentalismo e la tecnocrazia che sta generando nella politica e nella società un muro contro muro che non aiuta a trovare la via di uscita ai problemi, drammatici ed epocali, del nostro tempo.

La riflessione partirà dai contributi di Mauro Magatti, sociologo ed economista, docente all’Università Cattolica di Milano. Partecipano ed intervengono: Federico Carli, Giangiacomo Nardozzi, Michele Salvati, Paolo Segatti, Lucia Tajoli, Marco Bentivogli, Elio Catania, Alessandro Magnoli Bocchi, Don Walter Magnoni, Giuliano Noci e Stefano Zamagni. La due giorni di riflessione, in programma il 28 e il 29 novembre, si terrà nell’Aula San Giorgio in piazza San Giorgio, 2 dalle ore 17.30.

Il 2008 ha segnato l’inizio di una crisi economica che si è rivelata anche politica e culturale e ha portato alla fine di un’epoca. Il modello neoliberista è saturo, perché non più capace di rispondere alle esigenze di un mercato globale sempre più selvaggio e sregolato, né alla degenerazione della politica, sempre più populista e nazionalista. Ma questa, spiega Magatti, è una grande occasione. Perché se le vecchie regole non sono più valide, questo è il momento in cui tutte le possibilità sono aperte e possiamo inventarne di nuove. L’importante è avere chiara una direzione. E la direzione è quella della rinuncia alla cieca economia del consumo, per giungere a uno scambio sostenibile. Solo la combinazione tra sostenibilità e logica contributiva può permettere di ricostruire su basi nuove il rapporto tra economia e società che il neoliberismo ha col tempo mandato in frantumi. E così rispondere alla domanda sulla natura della prossima crescita economica, nel quadro di una nuova stagione della democrazia.

Modera Cristiana Rogate, nel Comitato Scientifico dell’Associazione Guido Carli, CEO e fondatrice di Refe, società impegnata da molti anni nella promozione della sostenibilità, della corporate social responsibility e del rafforzamento dei legami fiduciari nella polis. “E’ necessario trovare una via che ci porti insieme a riscrivere le regole di funzionamento dei sistemi sociali – dice Rogate. Per ritrovare l’equilibrio, evidentemente perduto, serve un percorso di ripensamento collettivo, nel quale i diversi soggetti della polis – in una logica di corresponsabilità – promuovano trasparenza e partecipazione per orientare scelte, azioni e comportamenti ad un’effettiva sostenibilità economica, sociale e ambientale. Partendo da un rinnovato protagonismo dei cittadini, singoli e nelle forme organizzate, questo deve interessare il mondo delle imprese, della pubblica amministrazione, dei corpi intermedi”.

CAMBIO DI PARADIGMA1

 

CAMBIO DI PARADIGMA2

Parte “DIRÒ LA MIA A SCUOLA” »

Rho, 15 novembre 2018

Al via la prima edizione di “DIRÒ LA MIA a SCUOLA!” il percorso di Bilancio Partecipativo dedicato ai ragazzi di tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado di Rho collegato all’Agenda 2030 dell’ONU. Il progetto, ideato da Refe, è stato co-progettato con i Dirigenti scolastici di tutti gli istituiti comprensivi pubblici e paritari della Città, insieme al Comune e ai Responsabili del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR), che avrà un ruolo da protagonista durante tutte le fasi del progetto.

Finalità, fasi e regole del percorso sono state presentate ieri mattina con un’intervista dei ragazzi del CCR a Sindaco e Assessori, seguita in diretta streaming dalla Sala Consiliare da 180 classi della Città.

Il progetto – che nasce dal pluripremiato Bilancio Partecipativo di Rho – rappresenta un’occasione imperdibile per far conoscere a docenti e ragazzi i temi della sostenibilità e contribuire a costruire una comunità più sostenibile.

Clicca qui e guarda il video dell’evento di lancio.

 

bty

bty

 

Bilancio sociale on line, strumento utile per il sistema Anci »

Presentato all’Assemblea nazionale dei Comuni italiani l’innovativo sistema realizzato da Refe per Anci Lombardia

È stato presentato a Rimini, alla presenza dei responsabili delle Anci regionali e del coordinatore nazionale, il sindaco di Senigaglia e presidente di Anci Marche, Maurizio Mangialardi, il bilancio sociale on line realizzato da Refe per Anci Lombardia.

La presentazione della nuova modalità smart di rendicontare a sindaci-associati e ai cittadini le attività, i servizi e i numerosi plus prodotti quotidianamente dall’Associazione dei Comuni Italiani, è stata introdotta dal presidente di Anci Lombardia, il sindaco di Lecco Virginio Brivio: “Si tratta – ha detto Brivio – di un importante strumento che ci permette anzitutto di essere consapevoli della mole di lavoro che ogni giorno Anci produce a servizio dei primi cittadini, delle macchine comunali e delle nostre comunità. E soprattutto ci consente di dimostrare alla comunità di sindaci e cittadini il nostro costante impegno per ottenere risultati concreti: sui servizi per giovani, famiglie e anziani, sulla finanza locale e gli investimenti per scuole e impianti sportivi, sulla promozione delle attività culturali, sulla programmazione e i finanziamenti europei”.

Da parte sua Cristiana Rogate, amministratore di Refe, ha sottolineato l’importanza di trasferire i risultati della rendicontazione sociale, dalla carta a modalità che, sfruttando con rigore metodologico e scientifico le nuove tecnologie, ne permettano una più rapida e chiara fruizione da parte non solo dei sindaci, ma da tutti i soggetti della polis.

“Nel pubblico promuoviamo da più di vent’anni  – ha detto Rogate – pratiche di rendicontazione sociale che non si limitino a comunicare i risultati ma diano evidenza ai cambiamenti  prodotti sulla vita dei cittadini e degli stakeholder. Ecco perché i bilanci sociali on line o web reporting si stanno rivelando uno strumento molto efficace in questo senso, rispetto a documenti cartacei che, se non correttamente comunicati, rischiano di rimanere chiusi nei cassetti senza promuovere nè una maggiore conoscenza nè una vera disclosure dell’organizzazione”.

Il coordinatore delle Anci regionali Mangialardi ha molto apprezzato lo strumento di rendicontazione via web e annunciato che lo proporrà alle associazioni regionali dei comuni.

Anci 23.10.2018

CONVIENE! Convegno promosso da CSRoggi – rassegna video »

 

Clicca qui per visualizzare la rassegna dei video degli interventi

Conviene

Contatti

Piazza Luigi di Savoia, 22 Milano

+39 02 36567111

linkedin.com/company/refe...

 

P.IVA: 05123890963

© 2018 Refe Srl

Designed by Mediaticamente